Un pezzo per SPORT

io non compaio, al massimo vado e vengo, mi siedo in silenzio, mi rialzo, senza che nessuno se ne accorga.
in me tu vedi la personificazione del disprezzo che mi colpisce e mi viene incontro; persino nel mio bell’appartamento immerso nel verde, ma scostante, puoi leggerlo, il disprezzo. lì non ho bisogno di persone…

Fare sport. Mente, corpo, spirito e ideologia.
Decine di persone in corsa per la forma fisica, per definire la propria immagine. NOI, MASSE.
Non è già questa una visione straordinariamente teatrale? Non ha già di suo la potenza di una storia umana incredibile, che trascende le lingue, le religioni, le razze, le epoche e in un colpo solo le abbraccia tutte con un nuovo colpo di classicismo?
Non c’è per esempio tutto il novecento e duemila? L’esaltazione della razza, l’agit prop, le adunate “fascionaziste”, o l’uomo massa espressionista?
Non ci siamo dentro? Per aderenza o sottrazione ci siamo noi. Interi. Immersi.
Lo sport. Per parlare di vita.
Forse proprio per questo lo sport è tale: mette in movimento un corpo per separarlo, grazie alla fatica, quanto più possibile dai pensieri. Affaticare le membra per recuperare la lucidità interiore.
Gli uomini e le donne di quest’opera di Elfriede Jelinek sono appunto pezzi di un discorso sulla vita, sulla finitezza, sulla corporeità ma allo stesso tempo un pensiero inquieto sul senso primo del vivere.

Le figurine:

Un pezzo per SPORT


da Sport. Un pezzo di Elfriede Jelinek

traduzione di Roberta Cortese



arbitro Patrizia Bernardi

titolari in campo Alberto Sarti, Andrea Fugaro, Anna Amadori, Carolina Talon Sampieri, Chiara Guadagnini, Daniela Cotti, Fabrizio Croci, Francesca Mazza, Gianluca Enria, Nunzio Calogero, Olga Durano, Saverio Peschechera, Selvaggia Tegon Giacoppo, Stefano Toffanin

in panchina Camilla Quarta, Delia Porcu, Dimitris Papadopoulos, Elisa Moscatelli, Giulia Lorenzelli, Giulio Maria Corbelli, Giuseppe Pagliarisi, Gloria Lanzoni, Ilaria Cecchinato, Lorenzo Pacilli, Piero Giovannini

a terra Eva Robin's


luci, scene e costumi:
Andrea Barberini
con la collaborazione di
Chiara Guadagnini
tecnica: Francesco Bala, Rabii Sakri
grafica: Albertina Lipari De Fonseca
foto: Giulio Maria Corbelli
cura: Daniela Cotti, Monica Nicoli, Davide Preti, Saverio Peschechera, Alberto Sarti

produzione Teatri di Vita
in collaborazione con
Emilia Romagna Teatro;
festival Focus Jelinek
e il sostegno di
Comune di Bologna - Settore Cultura; Regione Emilia Romagna - Servizio Cultura; Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

grazie a Stefano Casi, Giulio Maria Corbelli, Elena Di Gioia

a Franco

prima assoluta

Debutto: Festival VIE, Arena del Sole, Bologna, 23-25 ottobre 2014